Letizia Battaglia, Lamborghini e la CENSURA