IL POTERE DEI SOCIAL AL TEMPO DEL CORONAVIRUS